Il Gioco del Padel

Il gioco del Padel nasce nel 1969 in Messico da un errore.
Enrique Corcuera, volendo costruire un campo di Paddle Tennis in casa sua ed essendoci dei muri proprio a ridosso dello spazio disponibile per tracciare il campo, concepì l’idea di considerare i muri come parte integrante del campo di gioco stesso.
Corcuera poi regolamentò il nuovo gioco e lo chiamò Padel.

L’area di gioco è di 200 Mq. (10 x 20 ml.), quindi molto contenuta rispetto ad un campo da Tennis, che occupa una superficie compresa tra i 590 e gli 800 Mq. circa.
Pertanto, anche considerando l’ingombro della struttura, la conversione di un campo da Tennis consentirebbe la realizzazione di due o, con le opportune accortezze, tre campi da Padel.
La struttura è smontabile, quindi estremamente versatile.
I principali materiali che costituiscono il campo (acciaio, vetro, plexiglass, erba sintetica) sono elementi riciclabili al 100%.
La struttura può essere collocata indifferentemente al coperto che all’esterno.
I costi di manutenzione sono inesistenti o limitati alla sola pulizia.
La struttura, come le pareti di rimbalzo ed il pavimento, possono essere realizzate con materiali differenti, quindi modulando i costi di realizzazione.
Il gioco è per 4 persone (anche se nulla vieta di allenarsi “in singolo”).

E’ un gioco molto divertente per tutti: sia per coloro che sanno giocare a Tennis, ma anche per chi non ha una particolare dimestichezza con la racchetta, poiché non è richiesto un livello di precisione così elevato.

Poche regole ma importanti caratterizzano questa varietà dal Paddle Tennis: la più originale è quella in cui i muri delimitanti il fondo campo fanno parte dell’area di gioco quindi se la palla rimbalza su tali muri può esser respinta con la racchetta.
Per la regola che contempla i muri validi quando rimbalza la palla, questa specialità è simile alla Court Paume o Real Tennis o Court Tennis.
Nei tornei dei professionisti i muri son sostituiti da pareti trasparenti per far vedere al pubblico le azioni di gioco.
La federazione italiana adotta questo regolamento ma lo definisce Paddle non Padel e così fanno pure altre federazioni quindi spesso i due termini si confondono.

POCHE E SEMPLICI REGOLE
Il battitore deve effettuare la battuta in posizione diagonalmente opposta all’area di battuta dell’avversario e deve far rimbalzare la palla sul suolo prima di colpirla. I giocatori possono respingere la palla colpendola a volo o dopo il primo rimbalzo e possono colpire la parete della propria metà campo con la palla affinché questa passi sopra la rete verso il campo dell’antagonista. La palla non può toccare al volo la parete delimitante la metà campo dell’avversario.